26 Agosto 2020

Sedentarietà in aumento nell’Europa, in 15 anni + 8%

Roma, 26 agosto 2020 – La sedentarietà è una tendenza in aumento in tutta Europa. Nel Vecchio Continente il numero di persone che trascorrono più di quattro ore e mezza seduti al giorno è cresciuto dell’8% tra il 2002 e il 2017. E’ quanto rivela uno studio dell’Università Re Juan Carlos, in Spagna, pubblicato su BMC Public Health. Il team di ricercatori iberici ha utilizzato i dati di un sondaggio su 96.004 adulti in tutta l’Unione Europea per studiare i cambiamenti nei livelli di sedentarietà. Dall’analisi dei risultati è emerso che nel 2002 la percentuale di adulti sedentari per più di quattro ore e mezza al giorno era del 49%, mentre nel 2017 raggiungeva il 54%. Tra il 2002 e il 2017 la percentuale di adulti sedentari è aumentata del 3% in Spagna, del 7% in Germania, del 17% in Francia e del 22% in Gran Bretagna. Per esaminare il comportamento sedentario negli adulti, gli autori hanno analizzato i dati raccolti nel 2002, 2005, 2013 e 2017 come parte di quattro distinte indagini speciali Eurobarometro dell’Ue relative allo sport e all’attività fisica. Durante i sondaggi, i partecipanti hanno completato un questionario valutando quante ore in una giornata media trascorrevano facendo attività fisica o seduti. L’età media di chi ha preso parte agli studi era di 50 anni. Gli autori hanno scoperto che proporzioni simili di giovani e anziani erano sedentari durante l’intero periodo di studio, sebbene in media la proporzione di adulti sedentari fosse leggermente più alta tra i giovani. La fascia di età con il maggior aumento dell’inattività fisica entro il periodo preso in esame è risultata quella dei 35-44 anni, con un aumento del 15% del numero di persone sedentarie. A livello di differenze tra i generi, in generale il 52% degli uomini era classificabile come sedentario, rispetto al 49% delle donne, una tendenza rilevata ad esempio anche in Italia.