19 Ottobre 2021

Studio: 50 effetti negativi dei social, da ansia a problemi privacy

Roma, 19 ottobre 2021 – Sono 50 gli effetti negativi collegati all’uso dei social media, e non tutti sono riconducibili alla salute mentale. E’ quanto ha evidenziato uno studio australiano condotto dalla University of Technology Sydney e pubblicato sul Journal of Global Information Management. Per lo studio, il team di ricerca ha esaminato più di 50 articoli di ricerca pubblicati tra il 2003 e il 2018. Nel 2003, i social media erano ancora agli inizi e Facebook non sarebbe stato creato prima di un anno. Uno dei primi social network, MySpace, è stato fondato proprio in quell’anno. Gli studiosi riportano ben 46 effetti dannosi legati all’uso di siti come Facebook, Twitter e Instagram. Tra questi ansia, depressione, molestie, incitamento al suicidio, cyberstalking, delinquenza, gelosia, sovraccarico di informazioni e mancanza di sicurezza online. Ma anche violazione della privacy, inganno, conflitto con gli altri e una maggiore propensione per l’assunzione di rischi finanziari. Nel complesso, i problemi relativi all’utilizzo dei social media vanno da problemi di salute fisica e mentale a impatti negativi sul lavoro e sul rendimento scolastico, oltre a problemi di sicurezza e privacy. I ricercatori stanno attualmente studiando i fattori che influenzano la dipendenza dai social media e le strategie che le persone usano per regolare il proprio comportamento. Il prossimo passo sarà provare a sviluppare e testare applicazioni, funzionalità di progettazione e altre soluzioni in grado di ridurre gli effetti negativi.